Perché dobbiamo imparare a essere più gentili con noi stessi

Quanto spesso critichi il tuo corpo? Una volta a settimana? Una volta al giorno? Ammettiamolo, la maggior parte di noi fa commenti sui nostri corpi, ad alta voce o nelle nostre teste. In effetti, per oltre il 90% delle persone, i discorsi negativi sul corpo sono un evento di routine. È un'abitudine che condividiamo, un modello a cui ci siamo abituati.

Ogni giorno siamo esposti a commenti critici sull'aspetto. Nei media vediamo corpi magri, alti e atletici descritti come "belli", "sani", "desiderabili", mentre dalle pubblicità ci viene ricordato che le smagliature, le cicatrici, i rotoli di pancia e i peli del corpo che tutti noi abbiamo sono "difetti" che dovremmo cancellare.

Tra i nostri coetanei, ci impegniamo spesso nell'auto-critica , parliamo dei nostri problemi di "corpo da spiaggia", del trauma di "angoli poco lusinghieri", trovando comunanza nelle nostre insicurezze. Come cultura, siamo legati dalla vergogna che proviamo nei confronti dei nostri corpi, ignari di quanto sia diventato normale questo malcontento. Ma sebbene gli attacchi verbali e gli attacchi discorsivi siano praticamente istinto per la nostra immaginazione centrata sull'estetica, non si può negare il loro impatto devastante sul nostro benessere mentale.

L'insoddisfazione corporea sta raggiungendo livelli endemici nel Regno Unito, secondo quanto riferito più del 60% degli adulti nutre sentimenti negativi sul loro aspetto. Circa due terzi degli inglesi sono a dieta per perdere peso per la maggior parte del tempo e si ritiene che circa 1,25 milioni di persone abbiano un disturbo alimentare .

La pressione per soddisfare gli standard di bellezza di vasta portata della società ha causato un'ondata di insicurezza in tutta la popolazione, una situazione che sta costando a molti di noi la nostra felicità e autostima. Dato che sempre più persone si trovano vulnerabili ai messaggi tossici nei discorsi sul corpo, è tempo che prestiamo attenzione a come la nostra lingua ci influenza.

Che cos'è il parlare del corpo?

I discorsi sul corpo si riferiscono alle conversazioni rituali in cui ci impegniamo sui nostri corpi o sulle caratteristiche corporee altrui. Il concetto è emerso per la prima volta nel lavoro di due antropologi linguistici negli Stati Uniti, che hanno esplorato l'interazione tra linguaggio e immagine corporea nelle giovani donne. Attraverso la loro ricerca, hanno dimostrato che le donne che hanno discusso del peso corporeo e delle dimensioni hanno spesso mostrato una minore autostima e una maggiore insoddisfazione del corpo, ed erano più propense a seguire una dieta e ad assumere comportamenti alimentari disordinati rispetto alle donne che non discutevano del proprio corpo. Il parlare del corpo è anche associato a una riduzione delle prestazioni cognitive, a causa dei pensieri che vengono consumati dall'odio corporeo.

Il ruolo dei discorsi sul corpo sulla salute mentale può essere attribuito a un fenomeno noto come relatività linguistica, che, in poche parole, è l'idea che il linguaggio modella i nostri pensieri e idee. Il modo in cui parliamo di certe cose ci "prepara" a pensarci in questi termini. Ad esempio, gli studi dimostrano che cambiare una singola parola quando interrogavano i testimoni su un crimine che vedevano, cambiava il modo in cui lo ricordavano. Ciò dimostra quanto può essere potente un linguaggio. Può persino spingersi fino a influenzare la nostra percezione e memoria.

Discorsi sul corpo e standard di bellezza

Quando ci impegniamo in discorsi sul corpo, rendiamo i corpi un fattore determinante per l'autostima. Diciamo a noi stessi e al mondo che ci circonda che il nostro valore sta nel modo in cui guardiamo, non in quello che facciamo o nel modo in cui ci comportiamo.

Più parliamo di corpi, più rafforziamo la loro importanza e iniziamo a inquadrarci come poco più che ornamenti. Ripetuto nel tempo, questo porta all'auto-oggettivazione, facendoci dissociare dalla connessione interna che abbiamo con i nostri corpi. Coloro che si auto- oggettivizzano si sentono meno in sintonia con ciò che provano, sia fisiologicamente che psicologicamente, presentando un enorme rischio di depressione e disordine alimentare.

La bellezza è arbitraria. Gli standard a cui aspiriamo sono progettati dalle industrie per vendere correzioni per le insicurezze che creano. Oggettivamente, non esiste un corpo "buono", né un "difetto" o "imperfezione". Tuttavia, con ragazze di appena sei anni che affermano il desiderio di essere più magre, è chiaro che i messaggi di vergogna vengono ricevuti forte e chiaro molto presto nella vita.

Il linguaggio è contagioso e il modo in cui parliamo di corpi trasferisce credenze negative. Quando si osserva il rapporto tra madri e figlie e come si comportano, ad esempio, gli studi hanno trovato una correlazione positiva tra i discorsi del corpo dei genitori e la dieta degli adolescenti. Allo stesso modo impariamo una lingua ascoltando gli altri, impariamo anche le credenze e i comportamenti che accompagnano ciò che diciamo. E così, finché il discorso sul corpo rimane al centro delle conversazioni culturali, la scarsa immagine del corpo e la bassa autostima rimarranno un problema per le generazioni future.

Chiudere i discorsi negativi sul corpo

Se continuiamo a usare un linguaggio negativo, critico e dispregiativo per descrivere i nostri corpi, allora, naturalmente, continueremo a considerare i nostri corpi come nemici che dobbiamo punire e risentirci. Ma la buona notizia è che abbiamo il potere di cambiarlo. Possiamo guardare le nostre parole e iniziare una conversazione più gentile con noi stessi e gli altri intorno a noi.

1. Controlla te stesso

Per prima cosa: presta attenzione alla tua lingua. Nota quando parli del tuo corpo o quando lo fanno gli altri. Nota cosa dici e come ti senti quando vengono dette queste cose, quindi cerca di controllare le parole negative prima che vengano espresse ad alta voce.

2. Mostrati compassionevole

Non sto dicendo che è facile sfidare i discorsi sul corpo. Lontano da esso. Se è qualcosa a cui sei abituato, ovviamente, ci saranno momenti in cui i commenti verranno appena pubblicati. Se scivoli, non vederlo come una battuta d'arresto. Sii compassionevole, contrasta con un complimento e punta semplicemente a fare meglio la prossima volta.

3. Non seguire la folla

I discorsi negativi sul corpo potrebbero sembrare un obbligo sociale, ma ciò non significa che devi partecipare. Se il tuo amico inizia a rimproverare come appare, se un collega fa una critica al suo peso, non devi impegnarti. Non devi dire "anche io" e condividere le tue insicurezze. Puoi semplicemente fare ciò che è giusto per la tua salute mentale e allontanarti dalla conversazione.

4.Mantieni il silenzio

Se non riesci ad allontanarti da determinate situazioni, fai un patto per evitare tutti i discorsi sul corpo. Fai sapere ai tuoi amici come questo influisce sulla tua salute mentale e prometti solo di commentare le proprietà positive sotto il tuo controllo - come la creatività, la ponderatezza e la generosità. Lascia che questo ti ricordi che sei molto più di un corpo e trasforma questi casi in un'esperienza di apprezzamento.

Autore: MAXINE ALI

Fonte: https://happiful.com